Al momento stai visualizzando “Un immenso tesoro”

“Un immenso tesoro”

Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Chiuso
Inizia
This course is currently closed

Thich Nhat Hanh e il Discorso sulla piena consapevolezza del respiro

Corso offerto da Diana Petech

Il giorno in cui ho scoperto la profondità di questo discorso del Buddha
è stato un giorno davvero felice. (…)
Comprendere il Sutra Anapanasati è stato per me
come trovare un immenso tesoro.
Sono sicuro che anche per voi sarà fonte di nuove comprensioni
ogni volta che lo studierete e lo metterete in pratica.

‒ Thich Nhat Hanh, Plum Village 1998

 

La scoperta del Discorso sulla piena consapevolezza del respiro ha costituito un momento decisivo nella vita e nel messaggio di Thich Nhat Hanh (per i suoi studenti “Thay”, in vietnamita “Maestro”). Da allora il suo insegnamento del Dharma si è fatto via via sempre più chiaro, sempre più diretto, sempre più connesso con la realtà dell’essere umano tutto intero nella sua vita quotidiana.

La piena consapevolezza del respiro, infatti, è il fondamento, la base sicura su cui nell’ultimo mezzo secolo si è andato costruendo questo percorso spirituale, antico e nuovo insieme e tuttora in evoluzione, che ha preso il nome di “Scuola di Plum Village”: un percorso di trasformazione della sofferenza composto di pratiche, insegnamenti, scelte etiche, stili di vita, nutrimenti e strumenti di guarigione, praticabile anche nella realtà laica del 20° e 21° secolo al punto da diffondersi in buona parte del mondo.

Questo corso online, che si svolto a inizio 2024 e che ora ognuno può seguire con i propri tempi, intende offrire brevi aperture di conoscenza e di esperienza sul Discorso sulla piena consapevolezza del respiro (Anapanasatisutta, MN 118), un sutra spesso frainteso oppure ammirato “a rispettosa distanza”.

A quel discorso insegnanti e studiosi hanno dedicato analisi testuali e comparazioni storico-filologiche tra fonti e versioni diverse. Non è questo che offre questo corso, ma un approccio pratico ed esperienziale: nasce infatti dal desiderio di condividere in sintesi le scoperte e le esperienze vissute durante un percorso di pratica sull’Anapanasatisutta fatto nell’arco di sette mesi nel contesto degli incontri di pratica di un sangha locale.

La mappa per avvicinarci a questo “immenso tesoro”, come l’ha definito Thây, è la sua versione del sutra dalle fonti pāli e cinesi. Con l’aiuto di alcuni estratti video, sottotitolati in italiano, dai discorsi di Dharma che Thây ha dedicato a questo sutra in oltre quattro decenni fino ai suoi ultimi anni di insegnamento, ci inoltriamo nel boschetto dei 16 esercizi esposti nella seconda sezione del Sutra. Li sperimentiamo incontro dopo incontro, praticandoli anche nella nostra vita quotidiana, scoprendo accessi al “tesoro” che ognuno di noi saprà e potrà trovare.

Le cinque parti del corso

Il corso è dedicato alle prime due delle sei sezioni del sutra. la prima parte si apre con un panorama d’insieme del sutra e delle circostanze che hanno portato Thay a entrare in contatto con questo testo per lui così determinante. In seguito si inizia a esplorare la prima sezione, narrativa, e poi i 16 esercizi esposti nella seconda sezione, in successione nel tradizionale raggruppamento in quattro gruppi di quattro.

Ci rendiamo subito conto che non si tratta di un mero elenco di pratiche da fare una dopo l’altra, ma di una traccia in sintesi, “per titoli”, di un quadro ben più ampio e organico. Nei tanti insegnamenti che ha offerto sull’Anapanasatisutta in quarant’anni di insegnamento, quasi ogni volta Thây ha trattato in maniera diversa le varie “voci” dei 16 esercizi, collegandole a differenti aspetti del Dharma. Come in un disegno inizialmente oscuro, “collegando i punti” si arriva a formare una grande rete in cui ogni insegnamento chiarisce la propria funzione e il proprio senso.

Il testo stesso, nelle sezioni successive alle 2a, chiarisce che i 16 esercizi non costituiscono un insegnamento a parte, concluso e sufficiente a se stesso. In questo corso tocchiamo solo di sfuggita le successive sezioni, nelle quali la Piena consapevolezza del respiro si collega ai Quattro Fondamenti della Presenza Mentale, e questi ultimi ai Sette Fattori di Risveglio, e questi infine alla “realizzazione perfetta della vera comprensione e della completa liberazione”. Questo ci aiuta a renderci conto che il sutra Anapanasati può essere la guida a un percorso enormemente vasto e profondo che parte dalla semplice realtà corporea (“inspiro e so che sto inspirando; espiro e so che sto espirando”) per arrivare a una vertiginosa potenzialità di liberazione dalla sofferenza.
In altre parole, al vero “immenso tesoro” dell’insegnamento del Buddha.